Telefonino.net network
Win Base Win Adv Win XP Vista Windows 7 Registri Software Manuali Humor Hardware Recensioni Blog Download Foto
INDICE NEWS NEWS WEB NEWS SOFTWARE SEGNALA NEWS CERCA NEWS »

Una proposta apre nuove polemiche



adv

[ Internet Explorer 8 RC1 ] [ Un decalogo per i nostri bimbi ]
Pubblicato da Robbi il 28/01/2009 alle 08:07

Una proposta di legge che, combattendo la pirateria digitale, spinge verso una censura del web. Una censura dall'alto, con un rigore mai visto prima in Italia. E a farne le spese potrebbero essere non solo gli utenti ma anche soggetti come YouTube, a vantaggio di Mediaset e delle emittenti che sentono violati i propri diritti d'autore.

Sono questi aspetti che stanno facendo divampare le polemiche, in rete, sulla prima proposta di legge arrivata al neonato Comitato tecnico governativo contro la pirateria digitale e multimediale. Il documento è trapelato sul web e pubblicato da Altroconsumo, associazione dei consumatori, che lo boccia allarmata.

Ad inquietare sono numerosi punti di quella proposta. Per prima cosa, si dà una delega in bianco al governo, per attuare nuove misura a difesa del diritto d'autore. I imponendo responsabilità, in caso di violazione, a utenti e a prestatori di servizi della società dell'informazione. Chi sono questi soggetti? Nella proposta si parla anche di provider internet, che però per il diritto comunitario, recepito in Italia, non possono essere responsabili di quanto fatto dai propri utenti.

Se passasse questa proposta, certo YouTube perderebbe la causa contro Mediaset e altre emittenti che lo denunciano per la presenza di materiale pirata sul portale chiuderebbe in Italia, subissato da cause perse. La proposta non parla di misure contro gli utenti che violano il diritto d'autore ma quella delega in bianco non lascia presagire nulla di buono.

Sorprende poi un articolo, nella proposta, che con il diritto d'autore non ha niente a che vedere ma che ha il sapore della censura a 360 gradi: Attribuzione di poteri di controllo alle Autorità di governo e alle forze dell'ordine per la salvaguardia su tali piattaforme telematiche del rispetto delle norme imperative, dell'ordine pubblico, del buon costume, ivi inclusa la tutela dei minori

Insomma, una specie di commissione di censura di quello che sta sul web, come avviene per il cinema, ma con ricadute molto più pesanti: perché andrebbe a porre paletti alla possibilità di ciascun utente di leggere o pubblicare una notizia o un video d'informazione.


Altre Info


Segnala su: Ok Notizie Technorati Digg Delicious FriendFeed UpNews Segnalo Yahoo Google News Windows Live Twitter MySpace Facebook
Leggi tutto o commenta
 In evidenza Registrare la TV da iPhone e iPad
Commenti:
Davide71
Mah, non mi meraviglio più di niente, alle ultime elezioni nella lista si poteva votare "Forza Nuova", non penso d'aver preso un abbaglio, sono proprio loro i vecchi ed odiati "squadristi", che in Italia ne hanno fatto di cotte e di crude, come osano rialzare la testa, gli andrebbe schiacciata.
Quindi in un Stato che consente TUTTO o quasi, a facinorosi sia di destra che di sinistra, beh, non ci si può aspettare niente di meglio che leggi "immorali". In Italia è venuta a mancare purtroppo lo dico con molto rammarico, l'etica, l'educazione, la morale, la Fede (anche in Dio e nella Chiesa), forse De Gasperi si starà rigirando nella tomba, ma tutti questi politici FALSI con desideri di onnipotenza che credono d'essere degli Showman (come lo psiconano), mi fanno veramente rabbia e pena.

byezzz

ps= In un Governo dove non si riesce in tempi brevi a fare una legge antistupro, a tutelare i nostri figli/e e le nostre donne, dalla bestialità più immonda, tutto perchè risulterebbero poco fotogenici e simpatici agli occhi dei giornalisti e della "presunta" opinione pubblica (che il Italia non esiste), nessuno che prenda una decisione dura e drastica, questi politici che non hanno MAI avuto un minimo di "attributi" per essere considerati tali.

pps= la storia in Italia non insegna nulla, siamo troppo stupidi e depressi, per accorgerci degli errori che stiamo ricommettendo.
rondix
Italia, paese a liberta' "Vigilata" .......
atreyu
Premesso che non sono assolutamente d'accordo con il merito della proposta in oggetto.

Mi duole dire che l'articolo qui sopra è piuttosto equivoco e foriero di fraintendimenti. Nella specie, non si cita mai il SOGGETTO PROPONENTE. Insomma chi ha avuto la pensata di questa proposta di legge? La questione non è di poco conto. La proposta sembrava originariamente essere stata redatta dalla SIAE (che poi ha formalmente smentito... !?!). Attualmente tale obbrobrio di abbozzo legislativo parrebbe, dunque, essere figlio di N.N. Mah?!?

Omettendo il soggetto che ha partorito cotanta proposta, si può far credere che sia un disegno di legge governativo, una proposta di legge parlamentare o popolare. Insomma gli strumenti di proposta legislativi sono vari e molteplici e qui NON È INDIFFERENTE darne conto. Pena il travisamento ovvio della notizia.

Per approfondimenti:
Siae: "Più poteri per combattere la pirateria"
Il futuro di Internet secondo SIAE
SIAE: non abbiamo fatto noi quella proposta
Leggi gli altri 6 commenti o partecipa alla discussione »
[ Internet Explorer 8 RC1 ] [ Un decalogo per i nostri bimbi ]