Telefonino.net network
Win Base Win Adv Win XP Vista Windows 7 Registri Software Manuali Humor Hardware Recensioni Blog Download Foto
INDICE NEWS NEWS WEB NEWS SOFTWARE SEGNALA NEWS CERCA NEWS »

P2P: due produttori KO



adv

[ BackUp & Privacy ] [ LastMinute da Leoni ]
Pubblicato da Gigi75 il 28/06/2005 alle 00:00

"La decisione della Corte Suprema che ha ritenuto responsabili i produttori di software di file sharing perché consapevoli dell'utilizzo illegale da parte degli utenti, rappresenta un segnale positivo per l'intero settore e soprattutto per la tutela dei contenuti online. Viene riconosciuto il giusto valore della proprietà intellettuale preservando creatività e permettendo il giusto sviluppo della musica online legale".
Così si è espresso Enzo Mazza, Presidente FIMI, alla notizia che nel pomeriggio di ieri, Grokster e Morpheus, "antiche" e celebri piattaforme P2P, sono state condannate dalla Corte Suprema degli USA a risarcire i danni patiti dalle case cinematografiche, per colpa dei loro prodotti, promossi al solo scopo di invogliare gli utenti a violare le leggi sul diritto d'autore.

Secondo la Corte Suprema infatti "chi distribuisce un prodotto con lo scopo di promuovere il suo uso per violare il copyright, come dimostrato da espressioni evidenti o altre attività condotte per favorire la violazione, è responsabile per gli atti conseguenti di violazione commessi da terze parti".

Si evince perciò che non è il P2P in sè ad essere illegale, persino negli USA, nè la mera consapevolezza delle aziende condannate in merito al possibile utilizzo illegale dei loro prodotti, ma solo la loro condotta tenuta perciò nel caso specifico, ovvero quella di pubblicizzare il loro prodotto promuovendone in primo luogo il suo uso illegale.

Tanto, a detta della Corte, si evince dal fatto che le due aziende non hanno mai adottato sistemi per evitare lo scambio illegale, ma anzi hanno varato spot in tal senso, che lasciavano poco spazio alla immaginazione, allo scopo di lucrare dai guadagni indotti (es: spot legati al prodotto).


Fonte


Segnala su: Ok Notizie Technorati Digg Delicious FriendFeed UpNews Segnalo Yahoo Google News Windows Live Twitter MySpace Facebook
Leggi tutto o commenta
 In evidenza Registrare la TV da iPhone e iPad
Commenti:
Dav82
Qualcuno si ricorda i vari spot di Wind/Infostrada - Tiscali - Alice che dicevano tutti, chi in un modo chi nell'altro, "fai un abbonamento ADSL e potrai scaricare la musica del momento! E i film che più ti piacciono!".


In Italia cosa è successo?
Davide71
Ma penso che si riferissero ai loro portali a pagamento, tipo rossoalice.it .


byezzz
Poseidon
Quota :
Originariamente inviato da Dav82
Qualcuno si ricorda i vari spot di Wind/Infostrada - Tiscali - Alice che dicevano tutti, chi in un modo chi nell'altro, "fai un abbonamento ADSL e potrai scaricare la musica del momento! E i film che più ti piacciono!".


In Italia cosa è successo?


Precisamente: in italia è stato lo Stato stesso ( scusate il gioco di parole ) a lanciare l'adsl come metodo per scaricare canzoni e film in modo veloce e semplice. E.. in tutta questa battaglia contro il p2p come ha pensato di combattere lo Stato?

Semplice: quadruplicando la banda in download!!!!

Ora un utente potrebbe legittimamente chiedersi: Perchè dovrei dare 50 euro al mese alla Telecom per la mia bella banda a 4mbit al secondo se praticamente ogni utilizzo che ne faccio è ritenuto illegale?

Per scaricare la posta e x navigare tra le pagine web basta la buona vecchia linea analogica no?

contraddizioni italiane , almeno facessero come nel resto d'europa dove l'ADSL ha prezzi abbordabili, no.. invece qui pensano solo ad aumentare una banda in download che nessuno legalmente potrà mai sfruttare, e i prezzi salgono.
Leggi gli altri 6 commenti o partecipa alla discussione »
[ BackUp & Privacy ] [ LastMinute da Leoni ]