Telefonino.net network
Win Base Win Adv Win XP Vista Windows 7 Registri Software Manuali Humor Hardware Recensioni Blog Download Foto
INDICE NEWS NEWS WEB NEWS SOFTWARE SEGNALA NEWS CERCA NEWS »

Al G8 si discusso anche di P2P



adv

[ Pillola RU486 si vende anche sul web ] [ Polaris vince a poker con i campioni ]
Pubblicato da Robbi il 14/07/2008 alle 08:14

Durante il loro incontro al vertice annuale in Giappone, i membri del G8 si sono organizzati per firmare un accordo, chiamato Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA) contro la pirateria.

Cosa rappresenterà l’ACTA per gli utenti del P2P? Non è chiaro: il grado di segretezza che circonda i negoziati è soprendente, e non è possibile avere notizie certe. Sostanzialmente nessun rappresentante del G8 vedrà il testo completo dell’ACTA fino a quando non sarà pronto a firmare, almeno secondo quanto emerso da alcune indiscrezioni.

Dietro l’ACTA ovviamente vi sono i suggerimenti della RIAA, che ha lavorato a stretto contatto con i redattori del testo giuridico. Ed in questa occasione le proposte della RIAA vanno ben oltre la legislazione americana in materia di diritti d’autore online. E l’Unione Europea non sembra essere d’accordo con questa politica.

I nodi principali su cui si è discusso riguardano la privacy degli utenti e l’accesso ai dati dei gestori di servizi. Associazioni come RIAA e MPAA vorrebbero ottenere, in pratica, lo status di polizia di Internet.

In generale ciò che la RIAA desidera è uniformare le leggi . Un altro desiderio è spingere i fornitori di servizi Internet ad escludere dalla rete gli utenti che scaricano.


Altre info


Segnala su: Ok Notizie Technorati Digg Delicious FriendFeed UpNews Segnalo Yahoo Google News Windows Live Twitter MySpace Facebook
Leggi tutto o commenta
 In evidenza Spia chiunque tramite cavo USB
Commenti:
bricci_mn
Sono certo che tutti gli attori si prostituiranno e firmeranno qualsiasi cosa vorranno gli americani.
Poseidon
Quota :
Inviato da Robbi
In generale ci che la RIAA desidera uniformare le leggi . Un altro desiderio spingere i fornitori di servizi Internet ad escludere dalla rete gli utenti che scaricano.


Questa cosa semplicemente ridicola, non trovo vocabolo corrente pi calzante. E' questione di mercato e di economia, non solo chiuderebbero tutti i gestori telefonici per bancarotta, visto che stanno a galla solo grazie alla banda larga, e ovviamente milioni di utenti in tutto il mondo non rinnoverebbero pi i loro abbonamenti. Ma considerate il boom sempre pi crescente di lettori mp3, lettori divx portatili e non, i-phone e cloni vari .. e chi se li compra pi se dentro non ci si pu pi mettere nulla? Questi giocano sporco, da una parte ci propinano tecnologia palesemente indirizzata a certi utilizzi, dall'altra ci dicono che illegale sfruttarla a dovere. Eppure mi sembra che, almeno in italia, gli abbonamenti adsl non che li regalino: qualcuno dovrebbe far capire alle case discografiche e cinematografiche che forse gli utenti della banda larga gi pagano abbondantemente tasse e ritasse, per poter usare un servizio. Citando un noto film a tema: " il sapere umano appartiene al mondo "
Perusar
Beh, se il vero problema del mondo in questo momento il P2P... meglio sorvolare...

Leggi gli altri 18 commenti o partecipa alla discussione »
[ Pillola RU486 si vende anche sul web ] [ Polaris vince a poker con i campioni ]