Telefonino.net network
Win Base Win Adv Win XP Vista Windows 7 Registri Software Manuali Humor Hardware Recensioni Blog Download Foto
INDICE NEWS NEWS WEB NEWS SOFTWARE SEGNALA NEWS CERCA NEWS »

Google toglie l'app omofobica dal Market



adv

[ 2018: GPS in ogni smartphone ] [ Arrivano 8 nuove patch Microsoft ]
Pubblicato da wintricks.staff il 07/10/2011 alle 09:45

 

Google ha recentemente rimosso dal Market l'app Android "Is My Son Gay?", dopo che la sua presenza ha scatenato le proteste di diverse associazioni per i diritti degli omosessuali, i rappresentanti del sito AllOut.org avevano lanciato una campagna Twitter per unire tutti coloro che volessero chiedere la rimozione dell'app.

Molti l'hanno giudicata omofobica e stereotipata, in effetti l'app non poteva certo essere definita "politically correct", visto che basava i suoi risultati su alcune domande di test, tra le quali comparivano frasi come "Tuo figlio legge la pagina sportiva?" o "Si preoccupa molto del suo aspetto estetico?".

C'è da precisare, però, che la persona che sta dietro l'app sembra essere Christophe de Baran, personaggio dichiaratamente omosessuale e che ha spiegato le proprie intenzioni su una pagina dell'Huffington Post:

"Questa app è stata realizzata per pubblicizzare il libro omonimo, non è basata su dati scientifici, ma vuole essere un approccio goliardico al tema. Il libro stesso è una novella ironica, che vuole aiutare i genitori ad accettare l'omosessualità dei figli."




Segnala su: Ok Notizie Technorati Digg Delicious FriendFeed UpNews Segnalo Yahoo Google News Windows Live Twitter MySpace Facebook
Leggi tutto o commenta
 In evidenza Registrare la TV da iPhone e iPad
Commenti:
RunDLL
Dove sarebbero queste domande scabrose?
LoryOne
Non vedo perchè un'app debba essere rimossa dallo store: Se non la vuoi, semplicemente non la scarichi.
Se la scarichi per curiosità e poi non ti piace, semplicemente la rimuovi dal dispositivo.
Questo è il comportamento da persona adulta.
Il pericolo è che se la scarica un adolescente e comincia a fare il test, può pensare di essere omosessuale quando in realtà non lo è. L'adolescente, in base alle risposte vero o falso ed al responso finale, comincia a porsi delle regole comportamentali del tipo: Questo lo devo fare, quello no, altrimenti sono omosessuale.
[ 2018: GPS in ogni smartphone ] [ Arrivano 8 nuove patch Microsoft ]